<I>(Verse 1)</I>
Bravi ragazzi siamo amici miei
Tutti poeti noi del ‘56 (cinquantasei)
A spasso in un mondo che si dà via
La vita è solo acrobazia

<I>(Chorus 1)</I>
Camminiamo sul filo del cielo
A più di cento metri dall’asfalto
Siamo un punto là in alto
Bandiere nel vento di città

<I>(Verse 2)</I>
E stare in piedi è quasi una magia
Tra tanti imbrogli, tanta ipocrisia
Andiamo avanti senza mai guardare giù
Tornare indietro non si può più

<I>(Chorus 2)</I>
Camminiamo allo sbando in un mondo
Che sta quasi per toccare il fondo
Sospesi nel tempo
In crisi da un’eternità

<I>(Middle)</I>
Io vivo come posso amica mia
Non so chi sono né di me che sarà
Il mio futuro è qualche metro più in là
Seguo soltanto la mia via

<I>(Chorus 3)</I>
Camminiamo sul filo nel cielo
Si può cadere da un momento all’altro
Sospesi nel tempo
Spossati nel vento di città

<I>(Coda)</I>
Noi siamo altrove
Lontani chissà dove
Venuti da un lungo inverno
Direttamente dall’inferno
Tutti noi bravi ragazzi
Tutti noi che stiamo a pezzi
Su queste strade tanta gente
Strade che non portano a niente
Mezzi brilli mezzi tristi
Tutti noi poveri cristi
In questi anni senza cuore
In questa vita sempre uguale
Tutti noi bravi ragazzi
Tutti noi che stiamo a pezzi…